Cosa vuoi imparare oggi a scuola? L'imprenditorialità


Se parliamo con studenti o laureati , c'è un pensiero che accomuna quasi tutti: la scuola ci insegna la teoria ma non la pratica da applicare in un contesto lavorativo.

E quindi, bastano dei voti alti per aver successo quando verremo catapultati nel mercato del lavoro? E soprattutto, con la situazione odierna, in cui è difficile trovare un impiego, avremo l'abilità di non rimanere fermi ad attendere che arrivi un' opportunità ai nostri piedi?

Cameron Herold ha una tesi su cosa dovrebbe fare oggi la scuola: educare i ragazzi ad esser intraprendenti, poichè, usando una vecchia parabola:

Se dai un pesce ad un uomo, lo sfami per un giorno. Se insegni ad un uomo a pescare, lo sfami per una vita intera


Il bravo imprenditore non è colui che ha raggiunto successi scolastici -anzi, Herold stesso ammette di aver avuto grandi difficoltà come studente- ma è colui che ha una forma mentis da imprenditore:  risultato, tenacia, leadership, autoanalisi, interdipendenza, valori. Tutte queste capacità le possiamo trovare nei ragazzi, dobbiamo solo aiutarli a svilupparle.


E in merito alla sindrome da deficit di attenzione e ai disturbi bipolari, Herold dice: " Lo sapete che il disturbo bipolare è soprannominato disturbo dell'AD (amministratore delegato)? Ted Turner ce l'ha. Steve Jobs ce l'aveva. Tutti e tre i fondatori di Netscape l'avevano". Quindi non vedeteli come limiti !


Insegnare l'imprenditorialità, non per rendere tutti i ragazzi imprenditori, ma per dare stimoli, farli uscire dagli schemi e aiutare coloro che mostrano l'indole per intraprendere questa strada.