Gamification: il marketing che coinvolge e fidelizza alla tua startup


Si chiama Gamification, letteralmente “ludicizzazione”, il fenomeno identificato per la prima volta nel 2010.

Questo processo consiste nell’utilizzo di meccaniche e dinamiche di gioco a livelli, punti o premi, in modo da creare interesse in un utente e stuzzicarne l’energia proattiva.

Attraverso il gioco, anche un’azione quotidiana normalmente percepita come noiosa può diventare interessante e coinvolgente.

 

Gamification applicata al marketing


Fin qui apparentemente niente di nuovo: che il gioco renda tutto più piacevole è una verità piuttosto antica.

Ma cosa succede se questo principio viene applicato al marketing?

Da un punto di vista tecnologico le meccaniche di gioco sono in continua evoluzione ma ci sono processi molto più semplici per garantire un’esperienza stimolante all’utente.

Il coinvolgimento attraverso concorsi, la gratificazione con premi, lo sviluppo della competizione ideando sfide a livelli.

 

Dalle origini...


La fidelizzazione è una pratica che esiste già dal Settecento. In quel secolo alcuni commercianti americani regalarono dei gettoni di rame ai propri clienti, i quali una volta collezionatili in gran numero, li riscattavano con prodotti reali.

I gettoni di rame erano quindi delle monete virtuali per premiare i clienti più fedeli, che in questo modo erano in grado di vincere dei premi. Da lì l’evoluzione attraverso i flyers, i coupon, i videogiochi.

 

...ai videogiochi


E sono proprio i videogiochi i protagonisti dell’espressione più sofisticata di un processo così elementare.

Zool_Jan1 17_12_45

Antesignani di questa pratica sono stati Adidas e Chupa Chups e, con l’avvento di Smartphone e applicazioni connesse, quella del gaming online casino è diventato quasi un percorso obbligato.

 

La tipologia di fidelizzazione giusta per la tua starup


Ma, bisogna stare molto attenti alla tipologia di fidelizzazione che si sceglie, ammonisce Giuliano Iacobelli, romano, co-fondatore della startup Stamplay.

"Si pensi per esempio alle promozioni già offerte da alcuni brand, quelle in cui bisogna chiamare un numero di telefono e leggere il codice riportato sulla confezione per scoprire se si è vinto un premio o meno. Bene, nel 99% dei casi chi telefona non ha vinto il premio e quindi vive un piccolo fallimento.

Non è questo il modo migliore per fidelizzare i clienti. Noi proponiamo un meccanismo diverso: il cliente trova sempre un codice univoco, ma questa volta lo inserisce in un sito web.

A quel punto ottiene dei bollini legati al prodotto o al brand. A ogni bollino è associato un contenuto speciale, che può essere uno sconto per un altro prodotto della stessa marca, un gioco, o un"altra tipologia di benefit".

 

Coinvolgere il cliente


Le nuove e sempre più complesse forme di marketing non devono dimenticarsi che il cliente vuole sentirsi coinvolto, vuole vivere un’esperienza totalizzante e non parziale, ma soprattutto non deve rimanere deluso.

E chi sfrutta la gamification in maniera corretta viene premiato dal mercato, come evidenziano molte ricerche di settore.

Quindi che aspettate? Coinvolgete e coccolate i vostri clienti, vi ringrazieranno!