5 consigli per costruire una startup vincente attraverso l’outsourcing


Qualche tempo fa  ho letto un post di David Drake, fondatore della LDJ Capital sul blog WSJSTARTUP, così ho pensato che voi “OFFamati di sapere” avreste gradito conoscere qualcosa che è davvero fondamentale per le startup.

L’articolo ha come focus il tema dell’outsourcing, quello che in economia viene definito come l'esternalizzazione di alcune fasi del processo produttivo attraverso cui l'impresa delega un’altra impresa a fornire determinati servizi non core.

esternalizzareL'outsourcing è una strategia che permette alla startup di crescere in maniera più efficace e più velocemente. Quando si crea una startup l’errore più grande è quello di viverla  come un one-man show e di solito si tende a fare tutto da soli e ad accentrare, tuttavia si scopre abbastanza presto che nel fare alcune cose non si è bravi ed esperti come altri.

Nonostante qualche difetto, l'outsourcing è un processo intelligente attraverso cui un imprenditore può ricavare vantaggi importanti oltre al fatto di mantenere i costi generali e le spese di funzionamento al minimo.

Ecco alcune indicazioni per guidarvi verso una migliore conoscenza dell’outsourcing:

1 . Esternalizzate il lavoro che non è parte delle vostre competenze specifiche o che non è parte dell’offerta di servizi core attraverso cui volete costruire la vostra startup . Ad esempio se volete creare un’impresa in cui progettate scarpe in maniera innovativa, non esternalizzare l'attività di progettazione. Tuttavia potreste collaborare con una casa di produzione che esegua i disegni per voi.

2 . Utilizzate esperti o specialisti al fine di conoscere nuove tecnologie, nuovi mercati o nuove imprese con cui collaborare o da emulare. Tornando all'esempio del designer di scarpe, potreste collaborare con un team che possa trasformare i vostri progetti in disegni 3-D per costruire una presentazione del prodotto più convincente. Imparare tecnologie da soli richiede tempo e investimenti costosi in software della cui efficacia non potete essere sicuri ex ante.

3 . Fate in modo di trarre sempre nuova linfa e ispirazione da nuove persone e dal team che costruite o con cui collaborate. Il team working può fornire nuove prospettive ad un problema su cui state rimuginando da tempo. Questo può aiutarvi ad andare oltre nei momenti di stallo.
4 . Esternalizzate il settore commerciale per espandere il mercato o fornitori. La partnership con altri team o società vi può collegare efficacemente ad un nuovo segmento di mercato o può essere utile per creare una rete più ampia di fornitori di servizi . Questo può rafforzare il vostro business. Inoltre potreste anche trovare il giusto collegamento che potrebbe essere necessario nella costruzione di operazioni fondamentali per il futuro della vostra startup.

5 . Se scegliete l’outsourcing fatelo con l'intento di decentrare le operazioni e ridurre i costi, ma senza ostacolare la qualità o la produttività. Questo è l’aspetto più impegnativo in quanto ogni nuovo team con cui iniziante una partnership dovrà apprendere velocemente e bene non solo le peculiarità di prodotto o le vostre esigenze di servizio , ma anche quale tipo di approccio comunicativo volete utilizzare e allinearsi alla vostra cultura aziendale. Dovrete ridurre l'impatto negativo attraverso la semplificazione dei processi, creando aspettative condivise e obiettivi comuni.

In tutto quanto detto finora trovare il giusto equilibrio, il giusto timing e stimolare le intuizioni rimane l’aspetto fondamentale e indispensabile per ottenere il meglio dalla vostra startup.